Vernizzi

loc. Frescarolo, 24 | 43011 Busseto (PR)
9 pareri

loc. Frescarolo, 24 | 43011 Busseto (PR)

+39 0524 92423

Locali nei dintorni

Modifica i dati

Categorie: trattoria

Cucina: tipica

Tags: inimitabile, tortelli, pisarei, ambiente, sugo di noci, arrosti

Chiusura settimanale: lunedì e martedì

Media 3.56/5

9 pareri
0.00%
Pessimo
22.22%
Mediocre
22.22%
Buono
33.33%
Molto buono
22.22%
Eccellente
serenella

serenella

57 pareri

2 bookmark

02-01-2015

Non vi aspettate di mangiare in un super locale alla moda e chic perchè qui soddisferete il palato ma tanto e solo quello. Non è previsto un menu, il personale vi presenta di volta in volta le portate disponibili (circa tre). Meritano i salumi, serviti senza torta fritta, il che forse consente di arrivare al primo piatto ed all'eventuale secondo non ingolfati. Esco dopo aver mangiato tortelli d'erbetta, tagliatelle ai funghi, anatra, faraona e patate, clementini e caffè rotolando. Provatelo!

albertokr

albertokr

11 pareri

0 bookmark

26-05-2014

Dopo km macinati in moto io a il mio amico patrick ci siamo diretti verso la trattoria. Devo dire che per trovarla ci avrebbe aiutato la presenza di cani da caccia (molto ironico), tuttavia una volta arriati iamo stati accolti meravigliosamente dai propretari. non abbiamo avuto il menù ,per cui penso che non ci siamo, ci sono stati detti i piatti e via. Antipasti di salumi ineccepibili con spalla cotta. Papille in festa! . Primo: in realtà ci sono stati proposti due primi tortelli e cappelleti. Voto 9 e pancia piena. Dopodichè eravamo veramente pieni e siamo passati al dolce una torta fatta in casa bassa alla nocciola e qui devo dire che non mi ha entusiasmato. Troppo secca e dura, per finire caffe e amaro. Conto? 44 euri :) spero di esservi stato utile trattoria straconsigliata! HO SBAGLIATO NELLA VALUTAZIONE DEL PREZZO.... OVVIAMENTE NON E' COSTOSO

INIMITABILE

Diavolet

Diavolet

455 pareri

64 bookmark

08-05-2014

Siamo stati in questa tipica trattoria della bassa un paio di volte e domenica scorsa a pranzo. Gestori e personale molto gentili e solleciti anche con il pienone. Abbiamo mangiato l'antipasto di salume: spalla cotta calda tagliata molto spessa a coltello, buona. Il culatello era buono ma sarebbe stato migliore se tagliato in modo più uniforme e sottile , mi spiego: la parte magra era troppo spessa e quindi risultava più secca rispetto al resto della fetta dove c'era il grasso. Lo so, sono molto esigente. Che ci posso fare? In complesso però mi è piaciuto.Ah, dimenticavo il salame: eccellente!! Una critica la devo anche al pane vecchio, peccato. Tortelli con ripieno dove si sente molto la noce moscata e poco la ricotta. Due dolci (crostata di marmellata buona e tiramisù ) una bottiglia di fortana e una di acqua. A testa abbiamo speso meno di 25 euro.

Flanker

Flanker

592 pareri

0 bookmark

07-04-2011

Vernizzi esiste da più di un secolo: entrare in questa trattoria e vedere i cimeli e le foto della trattoria cento anni addietro fa un certo effetto. Ma a parte i cimeli, le foto dei vip che sono entrati in questo storico locale e le decine di recensioni apparse su vari quotidiani italiani (ultima quella di raspelli su la stampa pubblicata meno di due mesi fa'), la bontà di questo locale risiede nella franchezza dei titolari, gente di cuore sempre più difficile da incontrare nel capoluogo di provincia e nella semplicità dei piatti (le cui ricette sono gelosamente custodite dalla "rezdora" della casa, la signora vittoria). Abbiamo iniziato con un abbondante dose di ottima torta fritta con piatti di affettati (ottimo il culatello e la spalla cotta) a cui sono seguiti bis che ci hanno letteralmente riempito. Non potevamo non assaggiare un'altra portata e così abbiamo optato per un piatto di tortelli alle erbette (fatte in casa) davvero spettacolari. Dopo aver preso una giusta pausa abbiamo assaggiato un tris di dolci uno migliore dell'altro: torta di nocciole, tiramisù e semifreddo al torroncino; nocino della casa e caffè per concludere il tutto. Non posso parlare di costi perché sono stato invitato alla cena, ma dal canto mio ritornerò per assaggiare i secondi (magari evitando gli abbondanti antipasti). Più che consigliato.

mammamia

mammamia

14 pareri

0 bookmark

10-03-2009

Volevo dare 2 stelle e mezza ma "la mezza" non mi è riuscita, scusate! Visitato in quattro di domenica a mezzogiorno: discretamente pieno ma non troppo; locale "caratteristico", aria rustica anni 70 (vera, non rifatta "vintage") con molti quadri e immagini riferiti ai temi verdiani e all'opera; menu detto a voce, pochi piatti. Salumi con culatello ottimo e il resto buono, Cappelletti al sugo di noci discreti, poi arrosti misti con patate: non cattivi ma a mio parere erano cucinati in modo troppo pesante (riconosco che comunque può essere un tipo di cottura "alla vecchia maniera" che può piacere). Torte casalinghe discrete. Vino della casa portato già stappato ma buono. Servizio corretto. Conto medio.

elisapaolo

elisapaolo

7 pareri

0 bookmark

11-11-2006

il locale e' caratteristico ed accogliente.i salumi sono discreti i pisarei no meglio i tortelli cn la noce moscata.ottimi gli arrosti e buoni i dolci.il vino niente di che, pero' si lascia bere.insomma lo cosiglio magari x una domenica a pranzo

mauro59

mauro59

2 pareri

0 bookmark

28-01-2008

Questa locale rappresenta e identifica al 100%, sotto ogni aspetto la si voglia esaminare, il legame più stretto di una terra con la propria storia e la propria cultura gastronomica e culinaria, nel pieno rispetto e osservanza della tradizione. Se dovessi portare un esempio per dare una definizione al termine "trattoria" non avrei dubbi, quella dei Vernizzi è "LA TRATTORIA", come dovrebbero essere tutti quei locali che si danno tale nome, com'è nel cuore di noi italiani, nel nostro DNA. Già accomodarsi nelle sue sale è qualcosa che ti apre il cuore. Questa l'ultima nostra visita di pochi giorni fa: al via con i salumi tutti davvero buoni; da non perdere nessuno dei primi, li abbiamo voluti assaggiare tutti, pisarei da lode, tortelli alle erbe da urlo come pure le tagliatelle al sugo di funghi o di noci (la Sig.ra Vittoria ha davvero delle mani d'oro). Poi un tris di carni X2 ma da mangiarci benissimo in 4, tocchetti di parmigiano, 3 dolci tra cui un tiramisù con zabaione e un'ottima spuma alla liquirizia, due bottiglie di vino (un ottimo Bonarda della casa detto Vernizzotto e un trebbiano), 3 caffè e 3 nocini della casa. Il tutto per un conto più che onestissimo di 80 € in tre. Cucina più che ottima, ambiente che ti fa sentire davvero bene, gestori molto affabili e cordiali ...cosa si può chiedere di piu...?!

TORTELLI PISAREI AMBIENTE

er_preciso

er_preciso

20 pareri

0 bookmark

21-05-2007

Antipasto misto (spalla cotta e culatello buoni, salame discreto, coppa così così), bis di primi (pisarei e fasò buoni, tortelli di erbette troppo salati), tre porzioni di coppa arrosto (buona) con patate, 6 dolci, 6 caffè e 7 nocini. Scelta del vino (rosso) in una gamma piuttosto ristretta: vino della casa frizzante oppure sangiovese di romagna fermo; scegliamo il sangiovese (4 o 5 bottiglie) + due bottiglie di "ferrari brut". Bella l'ambientazione, ma nel complesso il locale strappa poco più della sufficienza. Ho avuto l'impressione che il conto sia stato calcolato guardandoci in faccia anziché facendo la somma; totale: 30 eurini tondi a testa in otto persone. Ci siamo anche presi un "tamaladissa !" dalla cortese signora che serviva ai tavoli, ma a sua discolpa devo aggiungere che uno dei commensali è in procinto di sposarsi e abbiamo fatto veramente troppa confusione. Mi aspettavo comunque un qualcosa in più. peccato.

bluebottazzi

bluebottazzi

4 pareri

0 bookmark

18-02-2007

La Trattoria Vernizzi è uno di questi locali di leggenda, una trattoria dalle apparenze modeste ma, in quanto a cucina del territorio, senza rivali. L’abbiamo provata in un giorno difficile, in una domenica del celebre carnevale, quando ogni tavolo è occupato ed il personale e le cucine sono indaffarati oltre ogni dire. Ci siamo presentati in quattro adulti e due bambine e abbiamo trovato un angolo comodo e suggestivo, molta gentilezza, cortesia e simpatia. Come antipasti i classici salumi; da piacentini avremmo potuto limitarci a culatello (ottimo) e spalla cotta. Due i primi: tortelli di erbette e cappelletti (che poi sarebbero anolini asciutti) al sugo di noci. Entrambi straordinari. Di secondo un classico misto di arrosti, semplicemente al suo meglio. Crostata e caffè, per un pranzo da ricordare. Spesa: bassa. La Trattoria Vernizzi è stata all’altezza della sua fama

TORTELLI SUGO DI NOCI ARROSTI