monicaterina

Something about monicaterina

I rating di monicaterina

5 stelle:
 
(2)
4 stelle:
 
(10)
3 stelle:
 
(8)
2 stelle:
 
(2)
1 stella:
 
(1)

Locali preferiti

  • Al Castello

    mappa | via Roma 2 | Montechiarugolo (PR)

    24-04-2013

    Le aspettative erano elevate, apparentemente confermate al nostro arrivo da un ristorante di pesce pieno il martedì sera, in barba alla crisi. L'antipasto, carpaccio di branzino e carciofi, è di gusto delicato ma cela un enigma: perchè il pesce è cotto e caldo, se si tratta di un carpaccio? Incuriosita, sto per chiedere lumi al cameriere, ma vengo rapita da un assaggio, rubato dal piatto di una commensale, di un sorprendente calamaro ripieno di crema di peperoni dolci, incantevole. Arriva il secondo: rombo con patate, pomodorini e olive, anch'esso dal sapore piacevole, tuttavia non indimenticabile. Il dolce appaga la vista con la sua elegante presentazione ed è gradevole al palato ma mi ricorda più un semifreddo che la classica torta di ricotta e uvetta che mi attendevo. In 4: 4 antipasti,1 primo,3 secondi, 4 dolci,4 caffè, 2 bottiglie di valdobbiadene corner, acqua: 50 euro a testa. In conclusione: ambiente di eleganza garbata ed essenziale, servizio cortese, porzioni (appena) sufficienti, materia prima di buona qualità, ma sapori fin troppo puliti: nessuna portata (con l'eccezione del lodevole calamaro ripieno) spicca e si fa ricordare, mancando quel quid che rende un piatto speciale e che, alla fine, mi invoglia a tornare.

  • Al Cavallino Bianco

    mappa | via Sbrisi, 3 | Polesine Parmense (PR)

    11-11-2013

    Domenica a pranzo in occasione del november porc: locale stracolmo, piacevolissima atmosfera rilassata come ci si attende in una sagra di paese. A sorpresa tra gli antipasti (che includevano ovviamente un pregevole culatello, oltre a strolghino, parmigiano, giardiniera) spiccano delle goduriosissime crocchettine di patate con culatello divorate compulsivamente da tutta la tavolata e richieste più volte grazie al menù no-limits. Tra i primi non indimenticabile il risotto con spalla cotta e funghi, a mio parere lievemente scotto, piacevoli i tortelli di zucca. Cotechino con purè senza infamia e senza lode; meglio il cappello di prete, ma decisamente ottima la peperonata. Non ci si poteva esimere dai dolci: croccante la burrosa sbrisolona, il semifreddo mette a dura prova gli stomaci che ormai alzano bandiera bianca. Ma ci pensa il caffè "speciale" a riportare armonia, subito da copiare nella sua geniale semplicità di correzione con (presumo) amaretto di saronno. Bottiglie di bargnolino e nocino lasciate al tavolo a concludere il lauto banchetto. Menù all-you-can-eat, tutto compreso, incluso vini e bevande: 40 euro a testa. In sintesi ottima occasione per riscoprire i sinceri sapori nostrani, senza pretese di eccellenze gourmet. Più che adeguato il rapporto qualità-prezzo; menzione speciale per il servizio, sempre efficiente nonostante il pienone: un plauso al cameriere del nostro tavolo, rocco, che con la sua simpatia e gentilezza ha contribuito all'ottima riuscita della giornata. Consigliato.

  • Al Fornello

    mappa | via Meucci, 6 | Parma (PR)

    31-07-2012

    Premessa: ero ospite, quindi non conoscendo il conto finale la mia fissazione per il rapporto qualità prezzo non mi permette di sbilanciarmi troppo sul giudizio. Detto questo, ieri sera ceniamo nei tavoli all'aperto e scegliamo pesce; antipasto granpiatto di pesce crudo, diviso con una mia commensale: gradevoli il salmone, il branzino, i gamberi e le ostriche, ma tra tutti spicca un ottimo tonno rosso dalla carne veramente saporita. Sbirciato il prezzo dal menù: 25 euro, a mio avviso eccessivo se rapportato alla quantità del pesce arrivato; allora meglio optare per il tris di carpacci di pesce ( salmone, tonno e credo branzino) di un mio commensale, di prezzo decisamente più contenuto (13euro) ed adeguato alla quantità. Secondo: tagliata di tonno rosso con sesamo e cicoriette (14euro): promossa! Cottura adeguata ad esaltare il contrasto tra la croccantezza del sesamo e la tenerezza del tonno. Vinello della casa, leggermente mosso, più che dignitoso (1/2 litro 4. 5 euro). E veniamo alle dolenti note: servizio rapido, mooolto rapido, forse frettoloso? E poi, capisco il caldo, capisco la voglia di vacanze, capisco che una serata storta capita a tutti, ma un mezzo sorriso me lo potresti fare quando mi porti i piatti, o chiedo troppo? In sintesi confermo un'idea che mi sono fatta: per mangiare pesce più che dignitoso (ribadisco, dignitoso, l'eccellenza è altrove) vanno benissimo anche i ristoranti-pizzeria: in una notte di mezza estate permettono che il sogno (nel piatto) non si trasformi in un incubo (alla cassa)

  • Al Vedel

    mappa | loc. Vedole 68 | Colorno (PR)

    21-12-2012

    Piacevolissima esperienza in un ambiente curato senza essere pretenzioso. Ad accoglierci un crostino con salume di loro produzione, gustoso mix di lardo, pancetta ed erbe aromatiche. Antipasto con un' inedita salsiccia di calamaro, che sorprende per l'aspetto e la consistenza e si ritrova nel gusto delicato che si sposa alla perfezione con il letto di verza che lo accompagna. Ahimè non all'altezza delle aspettative la tagliata di bue piemontese: carne tenace, poco succosa e saporita; grande invidia per i secondi di pesce dei miei commensali, specie una scenografica orata con soutè di cozze e gamberi: impossibile non rubarne un assaggio, carni sode e corpose, cottura ottima. Per chiudere in bellezza un vellutato semifreddo bacio di parma con salsa al nocino. Sempre graditi i dolcetti che accompagnano il caffè. Bevuto un ottimo e a me sconosciuto spumante principessa del piacentino; presentazione dei piatti ben curata e porzioni giuste, servizio cortese, solerte, sempre col sorriso e mai affettato. Ero ospite quindi non so il prezzo finale ma dal menù antipasti sui 14 euro, secondi 13-18 euro, dolci sui 6 euro, che li valgono tutti. Consigliatissimo.

  • Aqualena Fitness

    mappa | via Ettore Ximenes | Parma (PR)

    11-05-2013

    Premettendo che io frequento solo corsi, sia di terra che di acqua, e non posso pertanto esprimermi sulla sala fitness nè sull'area benessere in cui non vado, non concordo con giudizi precedenti da 1 stellina. Iscritta in questa struttura da due anni, credo rinnoverò l'abbonamento per il terzo per vari motivi, in primis la grande varietà di corsi e insegnanti validi (chi più chi meno; a onor del vero c'è qualche figura che non ritengo sufficientemente preparata ma, data la numerosità dei corsi semplicemente scelgo quelli con gli istruttori a mio avviso più professionali e allenanti). Il costo non è economico (intorno ai 670 euro annui) ma come rapporto qualità-prezzo ritengo sia più che adeguato per la completezza dell'offerta proposta, e più che ammortizzato se si frequenta la struttura con assiduità come nel mio caso. Migliorie ce ne sarebbero, ma tutto sommato chiudo un occhio se nei momenti di affollamento phon o armadietti liberi scarseggiano; segnalo però la temperatura talora polare dell'acqua nella piscinetta dell'acquagym. Argomento promoter: io non ho mai avuto con loro alcun rapporto se non all'iscrizione, nè problemi di invadenza o pressioni al rinnovo; li vedo tuttavia molto indaffarati a proporre abbonamenti a numerosi nuovi potenziali clienti: stanno cioè semplicemente facendo il loro lavoro. In sintesi: consigliata a chi cerca varietà di corsi proposti,sia di acqua che di terra e a chi si alleni con costanza e non sporadicamente per ammortizzarne il costo.

  • Araba Fenice

    mappa | via Provinciale per Busseto, 95 | Fontevivo (PR)

    15-02-2013

    Incuriosita dai precedenti pareri, complice la voglia di pesce e s. Valentino, approdo all'araba fenice carica di aspettative, tutte soddisfatte. Carpaccione, diviso col mio commensale: suffisso accrescitivo più che giustificato, con l'incontestabile qualità della materia prima che si sposa finalmente con l'adeguatezza delle porzioni. Perfino la salsina di cipolle, presentata a parte in ciotolina sul piatto, riesce ad esaltare il sapore delicato del pesce senza coprirlo. Che dire della tagliata di tonno rosso? Semplicemente sublime, e resa ancora più intrigante dalla salsina agrodolce sottostante che pur fa conservare la pulizia del sapore del tonno al palato. Pane splendidamente sostituito da una fragrante focaccia, non unta, profumata al rosmarino e servita tiepida. Ottimo franciacorta rosè uberti, consigliato dalla gentile titolare, e altra mezza bottiglia di valdobbiadene. Prezzo più che giustificato dalla qualità del cibo (carpaccione+calamarata con granchio+tagliata tonno+vini suddetti+acqua: 110 euro). Causa influenza e carico di farmaci ho dovuto (ahimè) lascire il locale prima di poter consumare i dolci, già ordinati e in arrivo al tavolo: la titolare, accortasi della situazione, ha prontamente comunicato alla cassa di non metterli sul conto, tra la mia stupita ammirazione: questa premura nei confronti del cliente, merce ormai rara e a mio avviso parte integrante del fare ristorazione, vale la lode ad un locale già promosso a pieni voti. Complimenti.

  • Carbon Divino

    mappa | piazzale del Carbone 3 | Parma (PR)

    15-07-2012

    Sono tornata ieri sera per la seconda volta in questa piacevolissima nuova scoperta (sperimentata grazie alla recensione precedente) per confermare l'ottima prima impressione che avevo avuto. La prima volta avevo assaggiato il loro pezzo forte, la costata di wagyulem (vi spiegheranno cos'è e vi consiglio di lasciarvi tentare dalla curiosità! ): tenera, saporita, ottima cottura e giusta quantità; 4 costate (servite con contorno di patate al forno), 1 insalata, 4 dolci, acqua, vino, caffè: 45 euro a testa, non economico, ma prezzo a mio avviso adeguato alla qualità della carne. ieri sera 2 hamburger appetitosi (con carne wagyulem) (belli, con contorno e a detta dei miei commensali anche saporiti), 1 tartara di wagyulem con contorno, 2 tagliate di angus con rucola, grana e patate al forno, bottiglia di ottimo primitivo, acqua, 6 dolci, caffè: 21 euro a testa. Bene! unici appunti che potrei fare: entrambe le volte il vino scelto non era disponibile; fortunatamente le alternative che ci sono state proposte erano azzeccatissime; non ho gradito la cheese cake, con un inatteso sapore di agrumi e di consistenza a mio avviso troppo morbida, ma. De gustibus! il tutto viene servito con un sorriso, gentilezza, in un ambiente rilassato e nei tavoli all'aperto in una bella piazza: bravi, continuate così!

  • Chacarero

    mappa | viale Mentana, 92 | Parma (PR)

    18-11-2012

    Evvabbè, l'ambiente è oggettivamente tanto kitch da avere un nonsochè di surrealistico, tra ruote, botti, zucche e mazzi di aglio rigorosamente finti che osservano dall'alto l'incredulo avventore. Ma tutto si perdona quando in tavola arriva la goduriosa grigliata, con porzioni abbondanti di carne succosa, ben cotta, di buona qualità. Sempre sfiziosi tra gli antipasti i tacos serviti con svariate salsine. Attenzione al dolce: per un'esperienza lussuriosa da non perdere la torta tre leche. Ciliegina sulla torta la solerte gentilezza del personale, sempre con un sorriso, e il prezzo: in tre persone antipasti tacos per 2 (ma più che sufficienti per 3), grigliata mista per 3 (ultra abbondante), 2 patate al forno, verdure grigliate, 1 dessert, 2 sorbetti corretti vodka, acqua, bottiglia di rosso argentino (18 euro: meglio restare sull'italico suolo), 1 amaro: totale 95 euro, arrotondato a 31 euro a testa. E chi li vede più gli improbabili ortaggi alle pareti?

  • Chacarero

    mappa | viale Mentana, 92 | Parma (PR)

    10-03-2013

    Ahiahiahi, cos'è successo? L'ultima visita in questo locale è stata per la prima volta a dir poco deludente: grigliata mista per 4 con porzione (che conosco bene, essendo il piatto che ordino abitualmente) che era, volendo stare larghi, al massimo per 3. Sarà un mio delirio paranoide o c'entra qualcosa il rifiuto alla proposta del cameriere di ordinarne una mista (22 eurox 2 persone) e una di solo angus, new entry nel menù (38 euro x2)? Torta tre leche finita, dolci alternativi dimenticabili. Tempi d'attesa biblici e caffè mai arrivati, nonostante 2 solleciti ai camerieri. Fortunatamente si conferma il prezzo, comunque conveniente, e la buona riuscita della carne; in 4 persone: grigliata+3 contorni+4 dolci+2 litri di birra san miguel+3 bicchieri di sambuca+ acqua: 25 euro a testa. Concedendo il dubbio di una serata storta da affollamento da weekend, ritornerò; spero in una ripresa dalla caduta libera complessiva di porzioni e servizio, altrimenti, a malincuore, adios.

  • Cocchi

    mappa | viale Antonio Gramsci, 16 | Parma (PR)

    31-10-2012

    Carica di trepidante attesa varco la soglia del decantato cocchi. Ed ecco il savarin, piatto ahimè ingannatore: compiace l'occhio e l'olfatto ma al palato scivola via senza infamia e senza lode. Forse scelta sbagliata: mi occhieggia da una mia commensale un invitante assaggio di tris di tortelli. Vabbè, mi rifarò con il mio stinchetto al forno glassato con contorno di verdure: indiscutibilmente ottimo, carne dall'irresistibile scioglievolezza, ma. C'è un ma. Il nome non è a caso: stinchetto, perchè in tre forchettate la goduriosa pietanza era svanita; e il contorno? Non saranno state quelle tre fettine di carotine e patatine e zucchine, gustose per carità, ma tanto ine. Non paga, mi butto su un semifreddo al torroncino. O era al croccantino? Perchè il gusto non l'ho ben capito, anche se tutto sommato si lasciava mangiare. Risolleva lo spirito un entusiasmante lambrusco otello, veramente lodevole. Servizio cortese e adeguato. Perplessità: non ho pagato perchè ospite, ma da quanto leggo nelle precedenti recensioni non è un posto a buon mercato. Quesito: varrà la pena di visitare questa mecca della ristorazione parmigiana o si mangia a pari livelli in molti altre buone (e più economiche) trattorie? A voi l'ardua sentenza.

  • Da Pipino

    mappa | viale Litoraneo 104 | Sarzana (SP)

    08-07-2013

    Da pipino è uno di quei locali in cui è categorico andare solo essendo preparati a ciò che si troverà: quindi non lasciarsi scoraggiare dalla struttura eufemisticamente definibile decadente, né dalla fila di persone in attesa nonostante la prenotazione, e non stupirsi di vedere avventori che vanno da soli a prendersi un cestino di pane (peraltro ottimo). Ci armiamo di pazienza e finalmente ci accomodiamo nei tavolini di plastica, apparecchiati con tovagliette di carta, sotto un tendone all'aperto. Triste? Eh no, perché poi arrivano i gentilissimi ragazzi del personale, che letteralmente corrono tra i tavoli per gestire al meglio i clienti e che elencano a voce (niente menù) che pesce è disponibile. Data la location mi aspettavo piatti un po' pesanti e raffazzonati, dai condimenti eccessivi: invece arrivano portate dai sapori puliti e dalla materia prima assolutamente fresca, con porzioni pienamente soddisfacenti. Tra gli antipasti misti (4 portate) spiccano il baccalà e le cozze, ottimi. Soddisfatti dall'ottima partenza, ci lanciamo ordinando 3 secondi: lodevole la mia delicata orata alla griglia, tenere le seppie alla griglia, da non perdere la frittura di paranza, croccante e asciutta. A mio avviso senza infamia e senza lode le penne agli scampi del mio commensale, troppo pomodoro a coprire la dolcezza dei crostacei. Per antipasti misti per due, 1 primo, 3 secondi, due dolci, vino bianco della casa (dimenticabile), acqua: totale 50 euro. Ottimo rapporto qualità prezzo, porzioni consistenti, sambuca offerta, personale cordiale. Tenendo conto delle premesse fatte sopra, assolutamente consigliato.

  • Girasole

    mappa | via Fortino Di San Francesco | Marina Di Massa (MS)

    19-08-2012

    Avvertenza: sconsigliato a @#$*! Tti, radical-chic, cultori della presentazione del piatto, primi appuntamenti. La mia richiesta: mangiare tanto pesce, buono, senza sentirmi presa in giro alla cassa; prenotano miei commensali habitué del posto, avvisandomi dell'informalità del locale. Arriviamo, atmosfera allegra, tavoli all'aperto sotto ad un tendone, più sagra di paese che ristorante: mi piace. Come funziona: al bancone si segnano sul menù le ordinazioni e si prendono posate, tovaglioli, cesto del pane; si paga. Quando i piatti sono pronti chiamano al microfono e si va a ritirarli; stesso procedimento per le bevande. Prenotiamo la mattina il caciucco (unico piatto su ordinazione) per 8 persone. Quando vado a ritirare il mio piatto. Incredulità e sgomento: un succulento vulcano di pesce mi aspetta, traboccante lapilli di cozze, calamari, gamberi e terrifici pezzi di pesce grossi come monoliti. Capisco l'errore di noi novellini, che abbiamo ordinato anche l'insalata di mare: invece un pò mi delude, quantità al limite della sufficienza e aspetto poco invogliante (sebbene gradevole e fresca al palato) forse per il confronto con l'enorme opulenza del caciucco; allora meglio ordinare il fritto misto, con cilindroni di calamari dall'aspetto invitante, croccante e asciutto. Spesa ridicola: caciucco 10 euro, primi e secondi 7 euro. In sintesi: andateci se siete ruspanti, scegliete commensali (vostri consimili) e occasione (informale e godereccia). Chiamate, prenotate il caciucco e ordinate solo quello (basta e avanza! ) . Salutate il pesce prima di mangiare: vi toglierete tanto la voglia che per un pò non vorrete vederlo nemmeno in fotografia.

  • Kikko - Assistenza Enogastronomica

    mappa | via Massimo D'Azeglio, 84/A | Parma (PR)

    15-12-2012

    Non saprei come definirlo, non è birreria, non è ristorante, non è bistrot. O meglio è un mix azzeccatissimo di tutte e tre le cose: ottimo sia per l'aperitivo che per una cena che per il dopocena, si beve bene e si mangia anche meglio. Il personale non è solo gentilissimo, ci mette passione, qualità ormai rara. Io ho il mio menù: pesto di cavallo su letto di carciofi e insalatina, patate al forno e una bruschetta con porcini, mozzarella e crudo da volare via. Ieri in tre: 2 spritz, 4 cavalli, insalatona mista, bruschetta, 2 patate al forno, 3 semifreddi al torroncino, bottiglia di franciacorta e 1 calice di bianco , 2 passiti : 30 euro a testa. Atmosfera calda e accogliente, gente rilassata e, ripeto, personale che finalmente sa fare con passione il suo mestiere. 10 e lode.

  • La Briciola

    mappa | via Como 3 | Brescia (BS)

    05-02-2013

    Nei ritorni nel nativo suolo bresciano la briciola è per me un punto fermo, per svariati motivi: in primis per l'ottimo rapporto qualità-prezzo (sabato in 4 persone: 3 pizze+ 1 tagliata con rucola e patate + 2 contorni di patate al forno + 1 insalata+ 1 dessert+ 2 birre piccole e 2 medie, acqua, 2 caffè: tot 82 euro). Secondo motivo: la qualità e la varietà dei piatti proposti (dalla pizza al pesce, passando per carne e insalatone): pizza ottima, con pasta fragrante e ben cotta e buona ed abbondante farcitura; tagliata tenera e di giusta cottura, patate al forno morbide e non unte. Terzo: l'ambiente è curato e al tempo stesso informale, senza pretese di supponente eleganza; anche se il locale è sempre pieno, l'ampiezza degli ambienti evita in genere spiacevoli attese. Gentilezza del personale (specie la signora che accoglie i clienti all'ingresso e il signore alla cassa; certo, i camerieri, giovani, talvolta mostrano di doversi ancora fare le ossa, ma poco male). In sintesi: consigliatissimo.

  • La Pignata

    mappa | strada Langhirano, 286 | Parma (PR)

    12-08-2012

    Piacevole,essenziale, con un lieto fine. il piacere: veranda ventilata, ambiente rilassato, servizio rapido e cortese, cameriere solerte, sempre con un sorriso ed una battuta per tutti. l'essenziale: pizza buona, di pasta fragrante e ben cotta, del giusto spessore (e finalmente, basta con quei veli che sempre più spesso spacciano per pizze), ingredienti di giusta quantità e qualità (se proprio devo essere pignola la spalla cotta l'avrei preferita di fette lievemente più spesse). il lieto fine: 2 pizze (pomodoro fresco, mozzarella di bufala, spalla cotta e porcini), contorno di insalata (abbondante! ), 1 birra media, 1/4 di vinello della casa bianco, frizzantino e bevibilissimo, acqua, 2 sorbetti corretti vodka, 1 caffè: 30 euro. la morale della favola: tutto arrosto e niente fumo. Io ci torno di sicuro.